Programmare pensando da Sistemista

 

linux-python-logoUna domanda che mi faccio da quando lavoro come sistemista e’ : “quale linguaggio di programmazione dovrei imparare ??“; e’ una domanda facile da formulare, che dovrebbe presupporre un’altrettanto facile risposta, ma ahimè non é così semplice, perlomeno non nel mio caso. Certo, i linguaggi di programmazione non mancano ed in giro ci sono dozzine di fonti di ottima qualità, ma penso comunque che per poter fornire un consiglio si dovrebbe sempre poter conoscere bene chi pone la domanda, ossia:

 

  • il suo background è scientifico o umanistico?
  • conosci bene l’inglese? (poiche’ la maggior parte delle fonti che consiglierei sono in inglese)
  • qual’è la tua età? ecc…!

…..insomma sono tanti i fattori da considerare e tutti hanno il loro peso da non sottovalutare.
In tempi non troppo lontani programmare significava conoscere il funzionamento dei computer a basso livello, comprendere a fondo la loro teoria e la loro struttura. Ma oggi è molto diverso. La gran parte dei programmatori (web 3.0) sono orientati alle applicazioni web/cloud ed i vecchi linguaggi macchina, tipo Assembly, li ha solo sentiti nominare a scuola. Questo anche perche’ i linguaggi ad alto livello (Java, Python…) ci permettono di concentrarci sulla soluzione dei problemi (gli algoritmi) delegando al compilatore la creazione delle istruzioni di basso livello.

Certo questa e’ una buona notizia ma, partendo da me stesso, se non fai il programmatore ed un linguaggio di programmazione ti serve per crearti scripts di ottimizzazione dei sistemi , non e’ pensabile dover conoscere 5/6 linguaggi diversi ecco perche’ in campo sistemistico resistono gli ottimi script Bash oppure l’ardimentoso Perl.

Se mi avete seguito e siete almeno parzialmente d’accordo con l’analisi fatta vi ricompenso con lo stesso consiglio che mi sono dato qualche settimana fa: Python.

Non mi voglio dilungare nella presentazione di questo linguaggio di cui credo abbiate per lo meno sentito nominare, le cui caratteristiche principali di funzionalita’, operabilita’, performance ecc… lo rendono tra i migliori da imparare anche per usi che esulano dalla programmazione allo stato puro; per altri dettagli od info potete leggere l’articolo dal seguente URL “caratteristiche del linguaggio Python“.

Quello che voglio segnalare e’ che molto spesso nella grande, a volte troppa, quantita’ di materiale recuperabile, spesso non si trova qualcosa adatto davvero alle nostre esigenze e che renda l’avvicinamento e la comprensione di un nuovo linguaggio facile, senza annoiare.

Pensare da Informatico e’ un libro che svolge bene il suo compito avvicinando i nuovi utenti a questo ottimo linguaggio in modo guidato e lineare proprio perche’ frutto delle esigenze di un’insegnante che voleva spiegare ai propri alunni un nuovo modo di programmare. Il libro originale e’ in inglese ma ne esiste un’ottima versione PDF tradotta in Italiano, questo e’ il link per il download PDF , mentre questo e’ il link per la versione WEB .

La versione originale “How to Think a Computer Scientist ” sottotitolo (Learning with Python) 3rd edizione e’ scritta da [Peter Wentworth, Jeffrey Elkner, Allen B. Downey, and Chris Meyers ] .

Buona lettura !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.