GreenSQL ora su AWS

Greensql_AWSbigGreenSQL offerta Database Secutiry su Amazon Web Services (AWS)

9 Luglio 2014, GreenSQL, azienda leader nelle soluzioni di sicurezza dei dati (DB), ha annunciato al mondo la disponibilita’ di una soluzione appositamente pensata per la piattaforma AWS, per l’appunto ” GreenSQL per AWS ” pronta a dare tutta la potenza ed i livelli di sicurezza certificati da GreenSQL sia in locale che ora anche nel Cloud.

Le caratteristiche principali sono le seguenti :

  • Versione del prodotto (ad oggi) 2.6.7
  • Sistema Operativo Linux / Unix, Linux Amazon 2.014,03
  • Architettura64-bit Amazon Macchina Image (AMI)
  • Servizi AWS AmazonEC2, AmazonEBS


Descrizione del prodotto
(alcuni interessanti video si possono trovare sul canale Youtube di GreenSQL)

GreenSQL fornisce soluzioni avanzate di sicurezza per database, proteggendoli da attacchi di SQL injection (ad esempio SSN, numeri di carte di credito, e-mail, password amministrative ecc…), mascherando i dati sensibili e monitorando costantemente la veridicita’ dei dati di accesso degli utenti che dovranno soddisfare vari livelli di conformita’ a normative quali PCI e HIPAA. Una volta installato come front-end delle vostre applicazioni web nel Cloud, GreenSQL sara’ in grado di mimetizzare perfettamente e proteggere le applicazioni, i database ed i dati in essi contenuti, questo poiche’ GreenSQL e in grado di individuare automaticamente e mascherare i dati sensibili memorizzati nel database.

Inoltre e’ in grado di:

– bloccare in tempo reale tutte le SQL injection rilevate;  

–  monitorare le attività sul database eseguite dagli amministratori di sistema e dai DBA

– attuare la separazione delle funzioni creando le regole base per le restrizioni di accesso ai dati filtrando ed accoppiando le utenze ad apposite liste d’indirizzi IP geografici ….

Se quello che avete letto vi incuriosisce e volete saperne di piu’ in merito vi invito a leggere gli articoli precedenti su GreenSQL quali :

Un sito Web chiavi in mano

bitnami_web_appsBitNami Stack :  a ognuno il suo

Oggi giorno molti, moltissimi, hanno sentito nominare parole come WordPress, Joomla, CMS ecc…, ma pochi associano questi nomi ai software necessari per il loro funzionamento.
Tra le diverse figure professionali coinvolte possiamo senza dubbio evidenziare :

  • il semplice utilizzatore, ignaro di come funzioni Internet ma che vuole crearsi un Blog
  • il web designer, che magari non conosce linguaggi di programmazione, ma e’ un dio nell’art design
  • lo sviluppatore che ama creare nuovi software ma non e’ molto competente come sistemista

Seppure la piattaforma “standard de facto” LAMP (Linux+Apache+Mysql+PHP) sia ancora quella piu’ diffusa, molte altre nuove soluzioni sono nate, con l’intento di colmare le carenze pre esistenti sui vecchi sistemi e di migliorare l’esperienza lavorativa dell’utente finale.

BitNami Stack e’ una soluzione pronta all’uso; il concetto alla base del progetto e’ che ognuno, competente o non, ha il diritto di poter utilizzare qualunque applicazione web senza dover essere necessariamente un genio dell’informatica. Ad oggi sono gia circa un centinaio le applicazioni web chiavi in mano fornite sul portale, e la lista dei coming soon e’ altrettanto lunga.

L’installazione classica e’ un’operazione molto semplice, bastera’ andare sul sito da questo link , scegliere l’applicazione web di nostro interesse, selezionare il tipo di pacchetto e scaricarlo in locale; successivamente dare i permessi di esecuzione al pacchetto e lanciarlo, le poche domande che verranno fatte serviranno semplicemente a configurare l’utenza di utilizzo dell’applicazione, la porta di connessione al DB e, se si desidera, un account mail (tramite SMTP protocol) per l’invio delle mail di notifica della App.

chmod +x bitnami-owncloud-7.0.1-0-linux-installer.run
sudo ./bitnami-owncloud-7.0.1-0-linux-installer.run

Esistono anche altre due modalita’ : Live & Cloud

Live : per tutti coloro che non intendono utilizzare direttamente le applicazioni sul proprio pc/server esiste la possibilita’ di scaricare le immagini per VMWare e, volendo, utilizzando VMWare vCenter Converter Tool, sara’ possibile utilizzarle anche con VirtualBox o Kvm.

Cloud : per chi preferisce le soluzioni Cloud, BitNami offre un servizio Cloud dedicato per l’installazione del software; in alternativa si trovano a disposizione gli script per Amazon, bastera’ scaricare il template e caricarlo successivamente su Amazon.

Con una tale facilita’ di utilizzo non mi rimane che dirvi : “testate gente, testate” !!!!

Per maggior info consiglio anche di leggere “BitNami: CMS impacchettati per tutti

Google TV

chromecastE’ arrivata la chiavetta HDMI di BigG che trasforma qualsiasi televisore in una Smart TV

Un prodotto di questo tipo era atteso da tempo poiche’ promette di soddisfare tutti i nostri “capricci multimediali”.
Il suo nome ufficiale e’ Chromecast. Cosi’ quella che all’apparenza puo’ sembrare l’ennesima chiavetta USB dalla forma stravagante e’ in realta’ un sofisticato adattatore HDMI, davvero semplice da utilizzare, infatti basta inserire la chiavetta nella porta HDMI del televisore, attivare la connessione WiFi e connettervi il PC (ma anche il tablet o lo smartphone) per far si che questi diventi un vero e proprio telecomando. Da questo momento in poi potremo guardare sul grande schermo tutti i nostri contenuti multimediali preferiti ed in alta definizione.

E’ forse nata una nuova TV ?
Chromecast offre alcune novita’ rispetto ad altri servizi simili gia’ esistenti (per esempio la Apple TV con AirPlay) che potrebbero fare la differenza rispetto agli altri concorrenti, a cominciare dal prezzo, per il mercato USA e’ di appena 35 dollari, ma anche il mercato Europeo , in questo caso, non si differenzia poiche’ sul sito di Amazon e’ possibile comprare questo device per un prezzo similare a quello Americano. E’ da notare che Chromecast non possiede una sua interfaccia utente in quanto esso altro non e’ che un “ponte” tra il pc/tablet e la TV.
Questo vuol dire che useremo il nostro dispositivo preferito per dire a Chromecast che cosa vogliamo visualizzare sul televisore; lo streaming vero e proprio avverra’ tramite la chiavetta sfruttando la connessione WiFi e le App integrate. Pertanto, potremo continuare ad usare tranquillamente il nostro pc per le altre operazioni mentre e’ in corso lo streaming sulla chiavetta, il tutto quindi senza sovraccaricare il processore.

E’ tutto ora cio’ che luccica ?
Anche nel caso del dongle di Google c’e’ il rovescio della medaglia. Anzitutto Chromecast e’ limitato nelle funzionalita’ (in quanto al momento non tutto e’ condivisibile sulla televisione), inoltre , se il pacchetto negli USA comprende anche un abbonamento a Netflix (famosa piattaforma di streaming video on demand), che lo rende quindi molto appetibile, purtroppo cosi’ non e’ al di fuori degli States almeno fino a che non verranno individuati partner alternativi specifici per i vari paesi.

Nel cuore del Chromecast
A muovere il Chromecast e’ un Soc Marvell DE3005, un processore di fascia media utilizzato principalmente su Smart TV e set-top-box; inoltre sono disponibili 512 MB di RAM e ben 2 GB di memoria Flash, tutte specifiche che dovrebbero garantire uno streaming fluido e senza particolari problemi. La connessione WiFi si basa su di un Chip AzureWave AW-NH387 che supporta lo standard 801.11 b/g/n single band a 2,4 Ghz. L’uscita video e’ ovviamente una HDMI a 1080p, mentre la scheda audio garantisce un suono 5.1.
Per quanto riguarda l’alimentazione Chromecast sfrutta direttamente la porta HDMI (1.4); tuttavia nel caso in cui la nostra televisione fosse dotata di una connessione HDMI di vecchio tipo, senza il supporto all’alimentazione, potremo adoperare il cavo USB e la presa di rete inclusi nella confezione del prodotto.

Uso quotidiano 
A cosa ci serve quindi il nostro nuovo acquisto? Allo stato dell’arte il Chromecast supporta YouTube, Netflix, Google Play Music Video ed il browser Chrome.

Come acquistarlo ? 
Esclusivamente sul Web, infatti e’ attualmente disponibile solo tramite siti web (a meno di non essere negli States).
Per il suo acquisto si possono utilizzare tre diversi canali: