Mesosphere e la scalabilità dei Data Center

Mesos(sphere) Data Center scalabili

Mesos(sphere) Data Center scalabili

Mesosphere , per chi ancora non la conoscesse, è una startup con sede a San Francisco che si è concentrata sullo sviluppo di un sistema operativo per garantire la scalabilità di un Data Center attraverso il componente open source Apache Mesos, nato dalle viscere della UC Berkeley e già adottato e riadattato nell’uso da giganti del calibro di Twitter, eBay e Airbnb ed anche Apple, che ha ricostruito il progetto SIRI proprio sulla piattaforma tecnologica di Mesos.

L’obiettivo di Mesosphere è semplice, ossia rendere Mesos e le tecnologie a esso affini adatte all’uso anche nelle piccole enterprise, cioè in tutte quelle realtà che non possono permettersi un esercito di ingegneri pronti a prototipare e mettere in produzione un sistema proprietario. In questo modo, anche le piccole realtà potrebbero godere dei vantaggi di cui gode Google, tanto per citarne uno (a caso), che ha sviluppato la tecnologia proprietaria BORG, ossia un substrato software capace di orchestrare le applicazioni, suddividendone l’esecuzione fra tutte le risorse disponibili nei data center globali dell’azienda.

Per capire meglio come funziona BORG e come funziona Mesosphere, basti pensare a tutti i servizi che Google mette a disposizione della propria utenza, come Google Search, Gmail, Google Maps, YouTube e via discorrendo. Mountain View ha organizzato tutte queste applicazioni in modo che condividessero i workload fra tutte le risorse di tutti i data center della società, evitando di assemblare dei cluster separati di server per ogni servizio. [Elementi fondamentali, i workload, nella progettazione del moderno ambiente IT, infatti un buon design dei workload serve per permettere alle applicazioni di essere eseguite con maggior efficienza].

Cosi come il segreto della scalabilità dei servizi di Google sembra risiedere in BORG, Mesosphere punta alla scalabilita’ dei Data Center e, lavora per offrire un sistema operativo per Data Center anche a chi non ha le opportunità di investimento al pari di Mountain View.

Il nome di questo sistema operativo e’ DCOS, ossia Data Center Operating System, il quale è capace di astrarre CPU, memoria, storage e altre risorse computazionali dai server fisici, per riunirli in una piattaforma di gestione unica e facilmente scalabile. Secondo Mesosphere, questo sistema operativo, attualmente in fase beta, permette agli amministratori IT di scalare i cluster data center aggiungendo fino a 50 mila server.

La base del DCOS è un insieme di strumenti open source di cui molti disponibili via Apache Licenses. Questi tools giacciono su un sistema kernel distribuito, che offre le API necessarie alla gestione e all’organizzazione delle applicazioni distribuite. Fra i componenti del nuovo sistema operativo per il cloud computing ci sono un init system distribuito (Marathon), un pianificatore di attività distribuito (Chronos) e un service discovery (DNS). L’architettura supporta già ed è compatibile con Apache Spark, Apache Cassandra, Kafka, Hadoop, YARN, HDFS e Google Kubernetes.

La flessibilità del nuovo sistema operativo di Mesosphere è comprovatadalla capacità di supportare tutte le versioni Linux più recenti delle distribuzioni CoreOS, CentOS, Ubuntu e Red Hat e, dalla possibilita’ di poter essere eseguito su bare metal o in un ambiente di private cloud virtualizzato su alcuni dei più importanti cloud provider come AWS, Google Compute Engine, Digital Ocean, Microsoft Azure, Rackspace e VMware vCloud Air e, dal supporto ad altri strumenti di gestione data center come OpenStack, Docker, Cloud Stack e VMware vCenter Orchestrator.

La crescita di Mesosphere è garantita da una serie di finanziamenti per startup, di cui l’ultimo ricevuto è pari a 10 milioni di dollari. Il nuovo finanziamento, permetterà quindi a Mesosphere di uscire dalla fase beta e proporre DCOS in due differenti versioni, una a pagamento offerta con supporto tecnico e servizio di consulenza e una gratuita per la community.

 

#MesosilnuvoSystemperDataCeter

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.