Navigare piu’ sicuri con una chiavetta Usb

Naviga sicuro - YubiKeys

Naviga sicuro – YubiKeys

Alle nostre password affidiamo ormai la sicurezza di tutti i nostri servizi online (social network, home banking, dischi virtuali con foto personali dati etc…) , tutto cio’ anche se siamo, in qualche modo, consapevoli della loro debolezza di fondo.
Immaginiamo seppur inconsapevolmente che, se qualcuno le dovesse rubare potrebbe avere accesso ai nostri, in totale liberta’, anonimato e senza alcun tipo di controllo.

Certo sappiamo che esiste gia un metodo, a oggi ampiamente diffuso, per proteggersi da questo scenario fin troppo comune e si chiama “autorizzazione a due fattori” (in gergo 2FA) o “verifica in due passaggi” . Questo si basa su un assunto molto semplice, ossia, per poter accedere a un servizio, l’utente deve conoscere qualcosa, ovvero la/le propria password (primo fattore), e possedere qualcosa, come un cellulare (secondo fattore). Ad oggi il sistema 2FA più diffuso, disponibile per le maggiori piattaforme, passa per l’invio di un codice speciale tramite SMS, da inserire in aggiunta alla password (vedi Gmail). Un procedimento noioso, che diventa inutile se per un qualche motivo non abbiamo a portata di mano il dispositivo autorizzato a ricevere il codice, oppure semplicemente abbiamo cambiato numero di cellulare e non abbiamo aggiornato il profilo (tragedia).

Sicurezza via USB
La svedese Yubico ci propone una soluzione diversa, infatti al sistema incentrato sullo smartphone, essa sostituisce con una pennina USB, da usare come secondo fattore. Il prodotto in questione si chiama Yubikey e ne esistono diversi modelli, distinti per caratteristiche e protocolli supportati. Il funzionamento è semplice, quando ci si collega ad un servizio online, come ad esempio Gmail, basta digitare la password e poi toccare la pennina inserita in una delle porte USB del computer. Il sistema remoto riconosce la presenza del dispositivo e consente l’accesso dell’utente. Alla base del procedimento c’è un protocollo open source, chiamato Fido U2F (Universal Two Factor), che la Yubico ha sviluppato in collaborazione con Google. Il protocollo e’ OPEN dunque, qualsiasi sviluppatore può abilitarlo per il proprio servizio online.

Le nostre prove hanno confermato la semplicità del procedimento di autenticazione ma, come sempre non e’ tutto oro cio che luccica, ed in questo caso c’è una complicazione da non sottovalutare ossia che, l’impostazione iniziale della Yubikey va fatta per ogni servizio, con procedure quasi mai identiche e spesso nascoste fra le mille opzioni specifiche per la singola piattaforma. Certamente nulla che non possa riuscire anche all’utente medio, magari con l’aiuto delle guide in linea di fornite dalla stessa Yubico, ma comunque un procedimento in più che potrebbe scoraggiare chi non utilizza la verifica in due passaggi per ragioni di pigrizia. Dovremmo pero’ ricordarci tutti che e’ proprio la pigrizia la componente preferita da chi vuole rubarci i dati.

Compatibilità e versioni disponibili
Fra i maggiori browser, Chrome di Google è attualmente l’unico che è compatibile nativamente con Yubikey (dalle versione 41 in poi). Per Safari e Firefox esistono dei plugin specifici da installare per attivare il supporto alle chiavine di Yubico. Quanto ai servizi online, la compatibilità è completa per Google, Dropbox e Salesforce. Per WordPress, la nota piattaforma di blogging, è disponibile un plugin di compatibilità. Niente da fare al momento per i servizi Apple: l’azienda ad oggi non ha mostrato alcuna intenzione di adottare il protocollo Fido U2F sviluppato da Yubico e Google.

La Yubikey Edge, che supporta FIDO U2F, costa 34€, Il modello superiore, Yubikey Neo, aggiunge la possibilità di abilitare la verifica in due passaggi anche tramite NFC su alcuni smartphone Android, costa 59€. Entrambe sono acquistabili online su Amazon Italia.

Ma qualcuno si stara’ chiedendo, “cosa succede nel caso la Yubikey venga smarrita o rubata ???”, beh! nessuna paura poiche’ si può accedere ai vari account tramite il sistema 2FA basato sull’invio di un codice SMS, che è comunque buona norma mantenere attivo, ed una volta entrati sarà possibile cancellare l’associazione con la chiavetta che non è più in nostro possesso. L’alternativa, come per le chiavi dell’auto, è possederne due (entrambe da autorizzare su tutti i servizi, però) e lasciarne una in un posto sicuro.

Speriamo che l’argomento di questo articolo, oltre ad avervi ato una buona alternativa nella gestione della vostra privacy, vi abbia anche fatto riflettere sull’importanza, sempre maggiore, di mantenere alti i livelli di sicurezza di vostri dati personali.

 

#NavigasicuroconYubikey

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.